Goffredo

 

Sono sempre stata solitaria. Da bambina passavo ore con le mie Barbie, i miei Ken, i MioMiniPony, inventavo storie, vestivo, svestivo… non ho mai avuto la smania di stare con altri bambini, di andare al parco, all’asilo. La mia cameretta e la mia fantasia mi bastavano. 

E non sono cambiata. Ho bisogno del mio spazio, di silenzio, di tempo con me stessa. 

Purtroppo vivo a Sydney, dove, visto il costo della vita, condividere casa è praticamente d’obbligo. Condividere casa è una tortura. La gente è sporca, è poco rispettosa degli spazi altrui, senza contare che è gente e la gente è il male di per sè. 

Questo per parlare di colui che, per privacy, chiameremo “Goffredo”.

Goffredo, che vive con me, è il coinquilino bisognoso. È quello che ti chiede della tua giornata per parlarti della sua (e a te già frega relativamente della tua, figuriamoci della sua!!!), che sta costantemente in cucina così sei costretta a incontrarlo se desideri muoverti per casa (è accaduto che io abbia finto di essermi addormentata alle 8 di sera, e mi sia tenuta pipi’ e trucco per tutta la notte, pur di evitare di andare in bagno e rischiare di essere braccata in corridoio). È quello che è sempre a casa, che anche quando ti dice che uscirà… no, alla fine rientri, essendoti inventata cose a caso da fare in giro pur di evitarlo, e lui non è uscito. È in cucina, con gli Ugg boots, il Mac e la gangia. Perchè Goffredo odia i musulmani, vota estrema destra, ma si fa 5 o 6 spinelli a sera. 

Goffredo odia tutti gli altri uomini, compreso il nostro altro coinquilino, che invece è un sant’uomo. Odia tutti gli altri perchè l’unico figo al mondo deve essere lui. Peccato che se hai le gambe corte rispetto al tronco, non c’è proprio nulla che tu possa fare per porvi rimedio, e cambiarti 3 magliette davanti a me, per mostrarmi i pettorali poco faccia rispetto al fatto che, Goffredo, sei un povero coglione. 

Goffredo ti racconta sempre delle tizie che ci provano con lui (ovunque vada c’è una che ci prova con lui, pover’uomo, non ha tregua, persino al supermercato!)… peccato che sia single.

La domenica Goffredo ha bisogno che lo aiuti ad abbinare giacche, camicie e pantaloni per la settimana. Goffredo ha bisogno di sapere se il pollo che ha cucinato due sere fa, secondo te è ancora commestibile, e dopo quanto tempo le uova sode vanno a male. Goffredo non sa che esiste Google e quella fantastica cosa chiamata “Lebensraum”.

Goffredo, mentre ti fai il silk epil, e sa che quel rumore è il silk epil (perchè in passato ti ha fatto battute fuori luogo al riguardo), ti manda un messaggio per chiederti di cenare insieme. Non ottenendo risposta, viene a bussare, mentre tu sei nuda in posizione contorsionista cinese. E tu gli depileresti le narici col silk epil, a Goffredo. 

Goffredo dice che non vuole essere maleducato, ma “hai veramente un bel culo”. Goffredo dice che non vuole farsi i fatti tuoi, ma “sei così carina, hai un appuntamento?” Goffredo è l’uomo della premessa vana. 

Goffredo fa solo cose che sono amazing, con gente che è awesome. Oppure the best. Le facesse davvero, anzichè blaterarne, sarebbe molto carino, perchè si leverebbe dalle palle. Invece no, tu rientri e la luce è accesa e già sai che non sarà in camera sua, sarà in cucina, desideroso di avere una conversazione con te, su un qualunque tema adolescenziale, in cui esprime la sua visione adolescenziale. E tu vorresti tanto mandarlo a quel paese, ma Goffredo ha la tua caparra. 

Se sei in camera tua, Goffredo ti manda un messaggio, per sapere che fai. Per chiederti di cenare insieme, perchè è una di quelle persone che non sanno mangiare da sole. E tu sei una di quelle persone che si potrano il piatto in camera pur di evitare i Goffredo. Oppure cenano con pop corn e cioccolata, pur di evitare i Goffredo. 

Se ti vede triste, Goffredo vuole aiutarti. Non capisce che sei triste perché vivi con lui e ne hai due coglioni che nia fai più, nè che essere tristi va bene, non è Dawson’s Creek, si sopravvive. E magari non hai voglia di parlarne, specialmente con lui, che purtroppo, per questioni di latitudine, non ha potuto essere una stella ad Amici di Maria, ma non quello degli artisti, quello degli adolescenti in para. 

Se studi e dopo scuola vai a lavoro, Goffredo ti manda un messaggio per sapere dove sei. E tu di madre ne hai già una, e non a caso in un altro emisfero. Se dormi fuori casa ti chiede dove hai passato la notte. 

Goffredo occupa tutto il frigo, tutto il freezer e fa quattro lavatrici insieme. Lascia roba nel lavandino, vestiti in bagno, ma se tu fai una mezza cosa storta manda un messaggio a tutti gli inquilini, anche se siamo tutti in casa. Mandare messaggi è molto importante per Goffredo.  E guai a mettere qualcosa in freezer davanti a lui, parte immediatamente un commento sul poco spazio che c’è.  

Goffredo mi ha portato all’esasperazione e ho provato a parlarci. Si è offeso, poi ha capito (per quanto possa capire lui). E mi ha detto: “Sai, con i miei amici che vivevano qui prima si cenava sempre insieme, credo che sia una questione di avere diverse aspettative”. 

Certo, e i tuoi amici se ne sono andati da questa casa. Per dire. 

Goffredo ha 32 anni. 

 

 

 

Advertisements
This entry was posted in Australia, coinquilino, deliri inutili, Italians in Sydney, questo mondo è un posto invivibile, Sydney, Uomini, Vita sociale o asociale. Bookmark the permalink.

One Response to Goffredo

  1. Non hai considerato che, probabilmente, questo Goffredo è innamorato di te?
    A proposito dell’amore non corrisposto…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s