Uomini da non frequentare.

Quelli sposati.

Quelli fidanzati.

Quelli separati con trauma da separazione.

Quelli con la foto della ex sopra il letto o sul comodino.

Quelli che tifano Juve, Inter o Milan.

Quelli che ti chiamano mentre sei al lavoro perchè alcuni loro famigliari hanno litigato.

Quelli che ce l’hanno a morte con Berlusconi ma che alle elezioni non sanno per chi votare perchè non si sono informati.

Quelli con la T Shirt: L’uomo – La leggenda, con frecce che indicano rispettivamente la propria faccia e il proprio pisello.

Quelli che non aspettano che tu sia entrata nel portone prima di andare via.

Quelli che non si offrono di passarti a prendere al primo appuntamento.

Quelli che hanno paura dei cani.

Quelli che la domenica a pranzo da mamma è una legge.

Quelli che vivo da solo ma il bucato lo fa mia mamma.

Quelli che vivo da solo ma la mia casa la arreda mia mamma.

Quelli che non sanno mettere una mensola.

Quelli che non sanno cucinare.

Quelli che non leggono.

Quelli che leggono Dan Brown.

Quelli che comprano i libri al supermercato.

Quelli che comprano i quadri all’Ikea.

Quelli che hanno una scarsa igiene personale.

Quelli che mettono le Hogan.

Quelli che fanno pipì nel lavandino.

Quelli che Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.

Quelli che conosco i Modà.

Quelli che la loro ultima scoperta in campo musicale è Nina Zilli.

Quelli che come intercalare usano la bestemmia.

Quelli che se ti fanno un regalo ti dicono quanto costa.

Quelli che fingono di farti un regalo ma in realtà lo stanno facendo a se stessi.

Quelli che guidano come uno di Cuneo.

Quelli che a trent’anni si fanno ancora le canne.

Quelli che mandano sms a raffica ma non telefonano mai.

Quelli che ti mandano 15 sms prima di riuscire a prendere una banale decisione.

Quelli con i peli sulla schiena.

Quelli con le sopracciglia rifatte.

Quelli che si depilano con il rasoio.

Quelli con le disfunzioni sessuali.

Quelli con i problemi emotivi.

Quelli con le disfunzioni sessuali E i problemi emotivi. (no, i due non si annullano a vicenda).

Quelli nerd convinti e tronfi.

Quelli che danno pacche sul sedere alle vostre amiche.

Quelli che vi danno consigli non richiesti su come migliorare la vostra forma fisica.

Quelli che mangiano gli spaghetti col cucchiaio.

Quelli che arrivano alla vostra festa con una bottiglia aperta.

Quelli che sono sempre in ritardo.

Quelli maleducati.

Quelli che urlano.

Quelli maneschi.

Quelli che al primo appuntamento vi dicono quanto guadagnano.

Quelli che al primo appuntamento vogliono sapere voi quanto guadagnate.

Quelli che vi coprono di complimenti senza conoscervi.

Quelli che dopo un appuntamento vi dicono che vi amano.

Quelli che dopo un anno di relazione non vi hanno ancora detto che vi amano.

Quelli che hanno paura di volare.

Quelli che parlano delle mutande delle loro amiche.

Quelli che fanno passare giorni prima di rispondere a un vostro sms.

Quelli che non vi chiedono mai di uscire ma dicono di sì se lo chiedete voi.

Quelli che non hanno mai visto Il Grande Lebowski.

Quelli che vanno a letto con i chewing gum sotto il cuscino.

Quelli che guidano in canottiera col braccio fuori dal finestrino.

Quelli che non sanno almeno una lingua straniera.

Quelli che hanno un problema con l’alcol.

Quelli che non hanno interessi.

Quelli depressi.

Quelli che sono indiani ma non conoscono il tantra.

Quelli che sono teoricamente musulmani ma praticamente degli stronzi.

Quelli che non piacciono ai vostri amici.

Quelli che non piacciono ai vostri familiari.

Quelli che la domenica all’Ikea con la mamma è un rito sacro.

Quelli che cambiano auto ogni 6 mesi.

Quelli che tradiscono.

Quelli che non sono in grado di organizzare un weekend.

Quelli omofobi.

Quelli che dopo che gliel’hai data smettono di offrirti da bere.

Quelli che si specchiano nelle vetrine.

Quelli oggetto di una puntata di “Io e la mia ossessione” su Real Time.

Quelli che sono incapaci di sorprendervi.

Quelli che hanno una crisi isterica se, dormendo a casa loro in media 3 sere a settimana da qualche mese, chiedete il permesso di lasciare uno spazzolino e un po’ di struccante per non rientrare sempre conciate come Marilyn Manson the day after.

Quelli che desiderano partecipare a una qualunque trasmissione Mediaset sostenendo che: “poi faranno un sacco di soldi con comparsate varie”.

Quelli che vi lasciano puntualmente prima di: Natale, San Valentino, Compleanno, vacanze estive, per cercarvi nuovamente passato l’evento o finita la vacanza.

Quelli che fanno errori ortografici.

Advertisements
This entry was posted in Sentimenti, Uomini. Bookmark the permalink.

10 Responses to Uomini da non frequentare.

  1. i.t. says:

    non so chi tu sia ma so che ti sposerei domani

  2. Gio says:

    Ad occhio rimarranno 4/5 persone sul globo terraqueo….

  3. janus says:

    Quelli che fanno liste di donne da non frequentare?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s