Scusa un cazzo.

Un tempo pensavo che ci fossero persone che calpestavano i tuoi sentimenti e non chiedevano nemmeno scusa, e che queste persone fossero brutte persone. Devo ricredermi. Se uno calpesta i tuoi sentimenti e non ti chiede nemmeno scusa almeno è coerente. Ti ferisce, lo sa e non chiede scusa. è coerente, ha un senso. 

Ci sono individui peggiori. Gli individui peggiori sono quelli che ti fanno del male, ti mancano di rispetto e poi ti chiedono scusa. E si aspettano anche che tu li scusi, così poi si sentono a posto con la loro pseudocoscienza. Beh, è troppo facile. è davvero troppo facile fare del male al prossimo, consapevolmente, sapendo che poi potrai chiedere scusa e sistemare tutto. No, non funziona così. Io questi individui non li perdono, glielo dico proprio chiaramente: scusa un cazzo. 

Non perdonarli non significa che mi porti dietro a vita del rancore nei loro confronti, non scherziamo, quanto che non mi presto al loro giochino idiota e vile. Perchè quelli che si comportano così sono dei codardi. E io detesto i codardi e le loro lacrime da coccodrillo.

“Scusami, non volevo ferirti”. Ah no, non volevi ferirmi. Quindi hai passato un mese a mandare messaggi contrastanti, a illudermi, a usarmi quando ne avevi voglia perchè pensavi che tutto ciò producesse in me immensa gioia? Sei davvero così coglione da non renderti conto che quando tratti una persona come un giocattolo e ti fai beffa dei suoi sentimenti non provochi poi sofferenza? E soprattutto ti aspetti che me la beva?

Poco tempo fa ho scritto una lettera bellissima a uno che si è comportato come sopra perchè -era confuso- (i codardi si rifugiano sempre dietro la confusione, è il loro must, non avessero la confusione a cui appellarsi sarebbero davvero perduti). La verità è che me ne sono pentita. Una bellissima lettera per un idiota, nonchè stronzo travestito da povero confuso. Ripensandoci sarebbe bastato dirgli: senti, vaffanculo. Punto, fine. 

Però, dato che qualche volta imparo dai miei errori, quando la situazione si è ripresentata, leggi Omar, mio fidanzato storico che non vedevo da sei anni e che avrebbe potuto diventare mio marito, dopo appunto tutti questi anni, si presenta con fede al dito e passeggino nel bagagliaio e mi salta addosso senza tanti complimenti e poi, di fronte al mio  rifiuto, si scusa, ecco a quel punto ho replicato: scusa un cazzo. In inglese, ma il senso era quello. 

E sapete che cosa? Se non l’avessi fermato sarebbe andata ancora peggio, ci sarei stata ancora peggio. Perchè se l’avessi lasciato fare, se ci fossi andata a letto poi mi sarei anche dovuta sorbire la sua espressione affranta, i suoi sensi di colpa per il mancato rispetto del patto coniugale, infarciti appunto di scuse e giustificazioni totalmente idiote. E ditemi voi se c’è qualcosa di peggiore dell’andare a letto con una persona, del darle il tuo corpo, di condividere quanto ci sia di più sacro, ovvero il fare l’amore e poi vedere sulla sua faccia il pentimento, il rimorso. Sentire che fare l’amore con te non è stata una cosa bellissima ma un terribile errore. Ecco, secondo me non c’è niente di peggio. E nessuna persona sana di mente dovrebbe lasciarsi mettere in una condizione del genere. 

Sono stufa di questi personaggi. Di questi uomini a metà, senza palle, senza spina dorsale, senza un minimo di sensibilità che ti trattano come un oggetto qualsiasi. Che rispettano maggiormente il tostapane di te. E non faccio come quelle donne che si struggono e li giustificano e gli permettono di comportarsi in modo così aberrante. Io non li scuso. E’ troppo facile così. Io non ci sto. Scusa un cazzo. 

Advertisements
This entry was posted in Sentimenti, Uomini and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s