La fidanzata da asporto

Dicono che il lavoro bisogna inventarselo al giorno d’oggi.

Io me lo sono appena inventata. Mi è arrivata la newsletter del CTS: “In amor vince chi fugge. Insieme”. Lampadina! Voglio fare la fidanzata da asporto, per tutti quei casi in cui a viaggiare in due risparmi rispetto che a viaggiare da solo (anche se resto totalmente a favore e ardente sostenitrice dei viaggi in solitaria).

Ad ogni modo, dopo due anni senza ferie, due anni di mare centellinato e Dio solo sa quanto io abbia bisogno di mare, ho deciso di propormi come fidanzata da asporto.

Potrete assumermi per risparmiare sulla vacanza e avere una piacevole compagnia. Senza pretese. Senza rompimenti di balle. Senza malintesi, senza conti di fine vacanza da dividere in due con l’abaco (qua in momenti di pessima autostima s’è fatto pure questo). Pagamento anticipato.

Io sarò sorridente, simpatica ed estroversa. Disponibile anche ad aiutarvi a baccagliarvi la strafiga che avete visto a bordo mare. Serenamente.

Potrete facilmente convertirmi da fidanzata da asporto, a sorella da asporto, a cugina da asporto, a partecipante a mènage à trois da asporto e via dicendo. Ciò che più vi aggrada.

Basta che mi lasciate abbronzare e nuotare un po’ poi è fatta. Ovviamente la mia parte la pagate voi, più un piccolo extra, ma non rimarrete delusi.

Relazioni sentimentali e vacanze nell’era del 3.0.

Advertisements
This entry was posted in Costume e società (forse), Disoccupazione, Lavoro and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s